Antonio Riva ospite a La Maison Blanche!

Antonio Riva ospite a La Maison Blanche!

Si è concluso con entusiasmo il primo TRUNK SHOW con Antonio Riva nei romantici spazi dell’atelier romano La Maison Blanche a Palazzo Montoro. Durante i tre giorni di prove, fatte di sorrisi, lacrime di gioia ed emozioni abbiamo voluto ascoltare il designer e permettergli di raccontarsi e raccontarci in brevi battute.

“LA MODA È ISPIRAZIONE ED È UN MONDO IN CONTINUO MOVIMENTO. OGNI GIORNO C’È QUALCOSA DI DIVERSO DA CUI TRARRE SPUNTO PER IL FUTURO, NEL MIO CASO, SEMPRE CON UN OCCHIO DI RIGUARDO SULLE TENDENZE DEL PASSATO”.

Questa la sua considerazione più nota, vediamo invece quali dettagli in più ha svelato noi…

  1. Antonio Riva, uno stile UNICO e RICONOSCIUTO, quali sono i suoi quattro punti cardinali?

Sicuramente ti potrei dire SEMPLICITÀ, SEMPLICITÀ, SEMPLICITÀ…

Per semplicità nella mia visione intendo quell’ “eleganza” che si può ritrovare nel pregio dei tessuti e dei materiali adoperati, nella costruzione dei modelli e nella calibratura dei dettagli. Ognuno di essi non può prescindere dall’ equilibrio con tutti gli altri. La resa estetica di un abito deriva proprio da questo equilibrio.

  1. Qual è il MOOD della sposa proposta nell’ ultima collezione?

Antonio Riva è sinonimo ed emblema di “ABITO COSTRUITO”; quest’anno però, con FLYING AWAY, abbiamo voluto provare a “destrutturarne” le forme. Sono venuti fuori dunque degli abiti ricercati ma con delle linee nuove, più PULITE.

  1. Da dove trai la tua ispirazione?

Può essere un particolare architettonico come il colore di un petalo. Io sono una persona che viaggia molto e tendo ad assorbire suggestioni da tutto quello che mi circonda a partire da un paesaggio per arrivare allo stile stravagante di un passante. Nulla è analizzato dal mio occhio con superficialità, tutto mi porta ad “immaginare”.

  1. Come si trasforma o evolve la sposa nel 2017?

La collezione per il 2017 è ormai ideata ed improntata ma non posso svelarvi grandi particolari in quanto i modelli sono ancora in una fase embrionale di “costruzione”. Sicuramente c’è la volontà di stupire ancora…

  1. Ci sono novità o progetti di cui ci vuoi parlare?

C’è un bel progetto di cui però non posso ancora svelarvi nulla…continuate a seguirmi in rete e lo scoprirete.

  1. Cosa pensa Antonio dell’Italia? Quanto ha da o da farsi invidiare all’ estero?

L’Italia è la mia nazione ed è una nazione che amo. Sicuramente l’estero è un mercato in grado di darmi grandi soddisfazioni. Soprattutto il Giappone come gli Stati Uniti riescono ad apprezzare meglio le mie linee e la mia formula estetica dell’abito. Quello degli USA è forse il mercato più difficile nel quale devi entrare in punta di piedi. Una volta conquistato però riesce a ripagarti molto bene.

  1. E della città di Roma? Quanto è importante il mercato nella capitale?

Roma è Roma, è una realtà davvero molto interessante. Quando mi sposto da Milano per venire a trovare La Maison Blanche è come esser sempre rimasto “a casa” nel mio atelier. Ci sono molte differenze tra una sposa romana ed una milanese ma la sfida di riuscire ad accontentarle entrambe ho voluto assolutamente coglierla e vincerla.

  1. Dici Roma, dici La Maison Blanche, quali caratteristiche la contraddistinguono?

Le caratteristiche che mi vengono alla mente quando penso a La Maison Blanche sono in assoluto: PROFESSIONALITÀ; CURA del dettaglio; ATTENZIONE verso la richiesta delle clienti e RICERCATEZZA.

…vi aspettiamo per il prossimo incontro con tante novità!

 

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa i cookie per garantirti la migliore esperienza possibile. Clicca su 'Accetto' per navigare al meglio o scegli le tue preferenze.